Diedri Dorigati 2011 – Teroldego di razza

4 years ago by in Degustazioni Tagged: , ,

20150908_093446Ho assaggiato il Teroldego Diedri 2011 in occasione di una degustazione guidata con un gruppo di Ospiti stranieri ed il riscontro ottenuto da questo vino mi ha fatto decidere di scrivere un post subito, di getto.

Del Teroldego ho già raccontato la bella leggenda in un post recente. La storia in qualche modo potrebbe servire da introduzione con quello che ci si trova nel bicchiere assaggiando il Diedri 2011, un vino dalla massa colorante scura, fitta, di un rosso rubino con riflessi ancora violacei  praticamente impenetrabile.
Il naso non si concede subito in tutta la sua espressività, va aspettato per una decina di minuti e scoperto lentamente. Appena versato dominano i ricordi di carruba, di alloro e di ginepro, lentamente emergono le sfumature più tipiche del Teroldego che richiamano i piccoli frutti scuri come la mora, il mirtillo e la buccia del ribes nero accompagnate da un ricordo di viola e di cacao. Chiudono tocchi rinfrescanti di mentolo, una piacevole balsamicità che, caso mai dovesse essercene ancora bisogno, impreziosisce ulteriormente lo spettro olfattivo del vino.
All’assaggio trovo tanta corrispondenza con le note riscontrate al naso: asciutto, tannino moderato come da caratteristiche del Teroldego, alcolicità ben integrata nella struttura. L’acidità è decisamente avvertibile e dona slancio al sorso. Chiusura dalla lunga scia aromatica che ricorda i frutti scuri, un mix di spezie ed il cacao.
Bevetelo adesso in ampi calici per favorirne l’ossigenazione ma, se ne avete più bottiglie, nascondetene un paio in un angolo segreto della cantina con la sicurezza che ritroverete un vino sorprendente un domani, almeno fino ai 10 anni dalla data della vendemmia.
Abbinamenti? Fantastico con la selvaggina.

Vi lascio l’indirizzo dell’Azienda caso mai vi trovaste in zona per una visita!

Azienda Vinicola Fratelli Dorigati 
Via Dante, 5 38016 Mezzocorona
Trento – Italy
Tel +39 0461 605313
Fax +39 0461 605830
Mail vini@dorigati.it

 

Leggi anche:
Che Teroldego il Foradori 2011
Elisabetta Foradori e le sue anfore, la purezza del messaggio

 

 

Leave a Comment


4 − uno =