Pirati del Kalterersee

1 year ago by in Curiosità & News Tagged: , , , , ,

Non so se avete seguito sui social la storia di Andrea e Gerhard, Pirati del Kalterersee, partiti ieri in tandem da Caldaro alla volta dell’isola di Ischia, con lo scopo di far conoscere il vino del Lago di Caldaro lungo la penisola. Durante il loro viaggio di 1000 km incontreranno personaggi, cucine e tanti locali ma soprattutto faranno assaggiare durante lo loro tappe questo vino, aggiungo io troppo spesso sottovalutato, alla gente comune.

I protagonisti Andrea Moser e Gerhard Sanin sono due Kellermeister, ovvero responsabili enologici rispettivamente della Cantina Kaltern e della Erste+Neue, due cantine cooperative di Caldaro. Ciclisti nel tempo libero, hanno dedicato la loro vita professionale alla valorizzazione dei vitigni tipici dell’Alto Adige, accettando in particolare la sfida della varietà Vernatsch (Schiava), l’uva con cui si produce il Kalterersee (Lago di Caldaro DOC), il vino di cui Cantina Kaltern e Erste+Neue sono gli interpreti più conosciuti e premiati.

Il vino Colore rubino chiaro, profumi fragranti e fruttati, dotato di buona freschezza e con un tannino mai troppo aggressivo, di modesta gradazione alcolica. La descrizione del Kalterersee (Lago di Caldaro DOC) è l’identikit di ciò che ricerca oggi il consumatore più evoluto. Stanco dei vini muscolosi e impenetrabili, oggi diventa centrale un altro parametro di giudizio: la bevibilità. Ed è questa la grande dote del Kalterersee, vino di rara eleganza che accompagna perfettamente la cucina leggera dei nostri tempi: ottimo con pesce, primi piatti e carni bianche. Da provare con la pizza. Per i più tradizionalisti, con uno spuntino a base di speck: è il vino che da sempre non può mancare sulle tavole altoatesine.

Il percorso Da Caldaro all’Isola Capri. Dal Lago ai piedi delle Dolomiti ad una delle più affascinanti isole del Mediterraneo. Dal 15 al 26 maggio Andrea Moser e Gerhard Sanin percorreranno più di 1.000 chilometri con un tandem. Saranno seguiti da un’auto ammiraglia con due fotografi-videomaker: documenteranno il viaggio che sarà raccontato in tempo reale.

In ogni tappa è previsto almeno un momento di incontro. Si alterneranno cene in ristoranti, incursioni in pizzerie, visite ad aziende produttrici di prodotti tipici e giri ai mercati rionali. Per alcuni appuntamenti saranno coinvolti chef e ristoratori, in altri giornalisti, blogger e opinion leader. Non mancheranno le occasioni per far assaggiare il Kalterersee anche al pubblico.
Per ognuna di queste tappe il Kalterersee darà prova della sua versatilità, trovando l’abbinamento ideale con il pesce, la pizza, i formaggi vaccini e caprini, i salumi e la cucina regionale.

 

Ovviamente il mio invito è quello di seguirli lungo il loro percorso e di sostenerli, non si sai mai che possano essere colti da sete improvvisa, attraverso la loro pagina facebook

Complimenti ragazzi, un grande modo per comunicare il vostro lavoro e la passione per il vino che producete.

Fonte: I pirati del Kalterersee

The author didnt add any Information to his profile yet

Leave a Comment


quattordici + quindici =